Approfondimenti‎ > ‎

Le grotte di sale


Le grotte di sale sono una delle scoperte più recenti, per quanto riguarda il benessere psicofisico della persona. 

Era il 1843 quando il dottor Felix Boczkowski decise di effettuare degli studi che potessero confermare una teoria che stava prendendo piede anche negli ambienti medici del tempo: una tesi che sosteneva che i minatori delle miniere di sale presentavano una salute migliore non solo rispetto ai colleghi che operavano in altre miniere, ma anche rispetto alla media della popolazione dell’epoca. 


Il dott. Felix Boczkowski descrisse le sue osservazioni nel libro “O Wielicze pod wzgledem historyi naturalnej” che pubblicò riscuotendo consensi nei medici “più illuminati” dell'epoca.


Nella sua sperimentazione, in cui attribuiva gli effetti curativi delle miniere fondamentalmente a tre cause, i microelementi presenti nell’ambiente, la temperatura e l’umidità, la concentrazione dei microelementi rispetto ad ambienti esterni, lo scienziato polacco portava le persone nelle miniere  di sale e li lasciava per ore a respirare l'aria all'interno delle miniere.
Chiaramente si trattava di salgemma, un elemento abbastanza diverso dal sale da cucina diffuso all'epoca contemporanea. 
Già in quel periodo si conoscevano gli effetti benefici dell'aria di mare sulla salute delle persone, ma non era stata effettuata alcuna ricerca specifica, anche per gli ovvi limiti che la scienza di allora presentava, sulla differenza tra ioni positivi e negativi, né sulla concentrazione necessaria di particelle di questo elemento per ottenere dei miglioramenti.  

Il dott.Felix Boczkowski supportò quella conoscenza empirica con la dimostrazione scientifica che il sale possedeva incredibili qualità. Oggi le grotte di sale si stanno diffondendo in tutta Europa come complemento naturale per il benessere generale della persona.







                                                      



                                                      Poi nelle sue viscere
                                         il salgemma, montagna
                                         di luce sepolta,
                                         cattedrale trasparente,
                                         cristallo di mare, 
                                         oblio delle onde.
                                                                                  
                                         Ode al sale (Pablo Neruda)